Ferrari elettrica: si farà entro il decennio, arriva la conferma di John Elkann

La Ferrari elettrica si farà entro il decennio che è appena entrato: lo conferma John Elkann, presidente e Amministratore delegato di Exor N.V. nella conference call con gli analisti finanziari. Requisito numero uno: deve essere super prestazionale e coniugare i punti di forza del Cavallino: artigianalità e tecnologia insieme.

Dalla Ferrari Portofino alla Ferrari elettrica

Un primo approccio all’elettrificazione in casa Ferrari è sicuramente rappresentato dalla Ferrari SF90 Spider plug-in hybrid, con i suoi 1.000 CV e il tetto rigido ripiegabile. Ma naturalmente un propulsore completamente elettrico, compatibile con il livello prestazionale richiesto, è una sfida di tutt’altra natura.

Ferrari elettrica

L’annuncio di Elkann, comunque, ha colto molti di sorpresa, alla luce soprattutto delle precedenti dichiarazioni di Enrico Galliera, Senior Vice President direzione commerciale di Ferrari, che proprio in occasione della presentazione della SF90 ibrida aveva detto: “al momento non consideriamo i veicoli completamente elettrici efficaci per garantire il piacere di guida tipico del Cavallino”.

Prima della Ferrari elettrica arriverà la piccola Rossa con il V6 ibrido, un modello che riprende la tradizione che fu della Dino. Intanto, i risultati finanziari del Cavallino sono sicuramente positivi grazie in particolare all’ottima resa della Ferrari Portofino M, la gran turismo con cui il Cavallino vuole infrangere il record di vendite che ha ottenuto con la Ferrari California.

Un trend finanziario che segue il corso che era stato avviato con la direzione di Louis Camilleri, dimessosi dal ruolo di CEO di Ferrari a dicembre per “motivi personali”. Nessuna novità sul nuovo amministratore delegato che prenderà il posto di Louis Camilleri: “Impiegheremo il tempo necessario per individuare la figura migliore per guidare questa azienda”, spiega il presidente John Elkann che ha assunto temporaneamente anche la carica di CEO.

Fonte: Hardware Upgrade

Lascia un commento

Nome *
Email *